0AD, da Age of Empires all’Open Source

Nel 2001 è nato un progetto per realizzare una versione di Age of Empires II, con lo scopo di aggiungere il popolo degli antichi Romani come popolo giocabile. Il progetto prende il nome di 0AD (0 A.D.) e ora è indipendente e soprattutto Open Source. Questo videogioco è disponibile per Gnu Linux, Microsoft Windows e Mac OS.

0AD

Age of Empires

Age of Empires è un videogioco di strategia in tempo reale sviluppato da Rick Goodman per gli Ensemble Studios e che fu pubblicato dalla Microsoft nel 1997.

La serie di Age of Empires vede i seguenti giochi ed espansioni:



  • Age of Empires
    • Age of Empires: The Rise of Rome;
  • Age of Empires II: The Age of Kings
    • Age of Empires II: The Conquerors
    • Age of Empires II: The Forgotten
    • Age of Empires II: The African Kingdoms
    • Age of Empires II: Rise of the Rajas
  • Age of Empires III: Age of Discovery
    • Age of Empires III: The WarChiefs
    • Age of Empires III: the Asian Dynasties




La storia di 0AD

Il progetto è nato nel 2001, inizialmente è nato come una modifica per inserire tra le popolazioni giocabili gli antichi Romani.

Nel 2002 il progetto però cambio direzione e diventò un progetto indipendente, nel 2008 invece ci fu la comunicazione ufficiale che il progetto sarebbe stato completamente Open Source.

Nel 2009 fu pubblicato dalla Wildfare Games il Codice Sorgente.

Il 7 settembre del 2012 uscì la versione alfa del gioco.

Le licenze utilizzate

La Wildfare Games scelse una licenza sia per il codice sorgente che per tutto il contenuto artistico.

  • Per il codice sorgente venne scelta la GNU General Public License nella sua seconda versione.
  • Per i contenuti artistici invece le Creative Commons con le clausole CC-BY-SA ovvero:
    • Diritto di attribuzione (BY);
    • Condividi allo stesso modo (SA).




Altre informazioni

Essendo un progetto Open Source possiamo:

  • eseguire il programma;
  • studiarlo:
  • condividerlo;
  • modificarlo.

Le risorse per questo progetto possiamo trovarle:

  • Nel sito ufficiale del progetto: link;
  • Area per sviluppatori: link.

 

 

L'articolo ti è piaciuto e vuoi iscriverti alla newsletter?

Iscriviti alla newsletter

Potrebbero interessarti