Concrete5, alla scoperta di questo CMS

Concrete5 CMS Open SourceQuando ho un po’ di tempo cerco CMS che non conosco e provo a vedere come funzionano, durante la mia ultima ricerca mi ha colpito particolarmente Concrete5.

Si tratta di un Content Manager System sviluppato in PHP, Open Source e con una grossa comunità internazionale.

I precedenti articoli sui cms erano dedicati a WonderCMS, DokuWiki, Joomla e DedeCMS.

Cos’è Concrete5

Questo CMS è nato nel Aprile del 2003, il linguaggio utilizzato è il PHP ad oggetti, noto che purtroppo la programmazione ad oggetti non è sempre utilizzata per progetti così complessi.

Il progetto è stato idealizzato utilizzando l’architettura Model View Controller, è compreso un sistema di caching, un sistemi di versioning e diversi tools per il SEO.

Le modifiche alle pagine possono essere fatte tramite un compositore visivo già compreso nel CMS.

La licenza

Prediligo sempre i CMS con licenza Open Source, in questo caso troviamo la licenza MIT, una licenza libera compatibile con la GPL.concrete5

Installazione e utilizzo

Vediamo un po’ come funziona questo CMS.

Installazione

L’installazione è molto simile a quella di WordPress, Joomla o PrestaShop, una serie di form in cui inserire nome sito, url, descrizione, i dati del Database e la creazione delle credenziali.

In circa 5 minuti il CMS è installato

 Post installazione

Subito dopo l’installazione, troviamo un template già completo di Slideshow, galleria immagini, form, integrazione google maps, social network, compositore visivo e alcune ottimizzazioni SEO.

Dopo aver installato Concrete5 mi trovo come se avessi già installato un WordPress con Contact Form 7Visual Composer, Yoast e diversi altri moduli già incorportati.

Creazione nuove pagine o articoli

Appena entrati nel pannello di controllo troviamo in altro a destra un iconcina a forma di foglio, da questo pannello possiamo creare con un semplice editor di testo una nuova pagina o articolo.

Dentro il pannello sulla destra troviamo:

  • Composer: la classica pagina di modifica testo;
  • Design: la possibilità di avere un template personalizzato al singolo articolo/pagina;
  • Seo: la parte in cui personalizzare, meta title, meta descrizione e url;
  • Posizione: dove inserire il link del articolo/pagina nel menù e la posibilità di assegnare un canonical url.

Librerie libere presenti

Come per ogni sistema curioso anche su quali librerie Open Source vengono utilizzate.
Ecco l’elenco:

  • securimage (BSD): una libreria per la creazione di immagini e audio Captcha;
  • doctrine (MIT): libreria che permette di scrivere query in DQL (Doctrine Query Language), un linguaggio ad oggetti, la stessa libreria che possiamo trovare sul Framework Symfony;
  • egulias (MIT): un validatore di email;
  • htmLawed (Gnu GPL 2): libreria che verifica il rispetto degli standard html di un testo;
  • Carbon (MIT): estensione per la gestione orari e date;
  • Bootstrap (MIT): insieme di librerie per la gestione delle interfacce web,
  • jQuery(GNU GPL): Libreria JavaScript per la gestione degli eventi.

Sito ufficiale:

Potete trovare tutta la documentazione su questo CMS nel sito ufficiale.

Potrebbero interessarti