8 modi per guadagnare con il Software Libero?

Quando si parla di licenze libere e di Open Source spesso le discussioni ruotano attorno ai principi etici e spesso viene associato al gratuito e al volontariato, quello che spesso viene ignorato oppure messo in secondo piano è che questo tipo di licenze sono stato create in modo che si possano inventare infiniti modi per guadagnare con il software libero.

Guadagnare con il Software Libero

 

Già dalla prima pubblicazione di “Software libero, pensiero libero” di Richard Matthew Stallman, viene spiegato come il software libero può offrire svariati modi per poter guadagnare.

Le quattro libertà Software Libero

Vediamo le “quattro libertà” che definiscono libero un software:



  • Libertà 0: Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo. La libertà di usare un programma significa libertà per qualsiasi tipo di persona od organizzazione di utilizzarlo su qualsiasi tipo di sistema informatico, per qualsiasi tipo di attività e senza dover successivamente comunicare con lo sviluppatore o con qualche altra entità specifica. Quello che conta per questa libertà è lo scopo dell’utente, non dello sviluppatore; come utenti potete eseguire il programma per i vostri scopi; se lo ridistribuite a qualcun altro, egli è libero di eseguirlo per i propri scopi, ma non potete imporgli i vostri scopi.
  • Libertà 1: Libertà di studiare il programma e modificarlo. L’accessibilità al codice sorgente è una condizione necessaria per il software libero, altrimenti non avrebbero senso neanche la libertà 0 e la 2.
  • Libertà 2: Libertà di ridistribuire copie del programma in modo da aiutare il prossimo.
  • Libertà 3: Libertà di migliorare il programma e di distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio. Questa libertà comprende quella di usare e rilasciare le versioni modificate come software libero. Una licenza libera può anche permettere altri modi di distribuzione; insomma, non c’è l’obbligo che si tratti di una licenza con copyleft. Tuttavia, una licenza che imponesse che le versioni modificate non siano libere non si può categorizzare come licenza libera.

Ora vediamo come possibile guadagnare con l’Open Source.

Come si può guadagnare con il software libero?

Vi illustro gli 8 modi con cui si può guadagnare con il Software Libero:

1) Software Libero non sempre è Software Gratuito



Un Software libero può essere venduto, sia totalmente che i singoli componenti. Su questo tema c’è stata molta confusione per via del doppio significato di “libero” in inglese, “Free” in inglese significa anche gratuito.

Ma una famosa frase di Stallman diceva: “Think free as in free speech, not free beer” ovvero “Quando persi a free pensa alla libertà di parola e non a una birra gratis”.

2) Plugin e componenti aggiuntivi

Come detto prima, il software libero può essere venduto. Una delle tecniche più diffuse, soprattutto nello sviluppo Web, per guadagnare con il software libero è quella di realizzare una piattaforma gratuita completa e vendere plugin e componenti aggiuntivi, in modo da ampliarne le funzionalità oppure come succede nei CMS anche il tema.

3) Il modello Open Core

A seconda della licenza, il software libero può coesistere con il software proprietario. Il modello Open Core è molto simile al modello precedente. In modo che la piattaforma centrale sia libera, invece i componenti aggiuntivi rilasciati con una licenza chiusa.

Un esempio di licenza libera compatibile con il software proprietario è la licenza LGPL.

4) Modifiche e personalizzazioni

Un Software Libero, sia se gratuito che a pagamento molto spesso non soddisfa completamente le richieste del cliente. Uno dei tanti modi per guadagnare con il Software Libero è quello di fornire modifiche e personalizzazioni su commissione.

5) Formazione

Le più grandi aziende che producono Software Libero propongono giornate di formazione ai propri utenti. Tramite una quota di iscrizione lo staff che si è occupato di produrre o lavorare per il progetto libero, aiutano e guidano sull’utilizzo del software in questione.

6) Assistenza e consulenza



Molto spesso utilizzando un software si ha bisogno di un aiuto, della risoluzione di un errore o di una consulenza su di un pacchetto aggiuntivo o un servizio. Questi servizi a pagamento sono disponibili anche per il Software Libero.

7) Donazioni

Si tratta di un offerta libera da parte di chi utilizza il proprio software.

8) Pubblicità

La realizzazione di Software Libero, soprattutto per uno sviluppatore ad inizio carriera permette oltre a un valido “esercizio di stile” la possibilità di essere un valido modo per farsi conoscere e farsi portfolio ed esperienza.

Software Libero e Mercato Libero



Il Software Libero ti permette di guadagnare e offre anche a terzi di guadagnare, per esempio:

  • Un azienda può creare un Software libero derivato da uno già esistente e poi rivenderlo;
  • Un azienda esterna può realizzare componenti aggiuntivi per una piattaforma;
  • Il servizio di modifica, come gli altri servizi possono essere realizzati anche da altre aziende;

PrestaShop, una Case History

PrestaShop è un CMS OpenSource per l’e-commerce, oltre 270000 negozi online utilizzano attualmente PrestaShop. PrestaShop di base è molto semplice e la maggior parte dei negozi hanno il tema base e sono senza moduli.

Vediamo come guadagna PrestaShop.



Marketpalce

Nel marketplace vengono venduti temi, moduli e servizi di assistenza. Quindi nel caso ci sia bisogno di una nuova funzionalità, una grafica nuova o si è presentato un bug è possibile acquistare questi servizi.

Eventi di formazione

Annualmente in ogni nazione vengono svolte delle giornate di formazione a pagamento.

Mercato libero?

Il Software libero crea un mercato libero, da PrestaShop molte aziende hanno trovato il loro business:

  • Sono nati diversi marketplace per la vendita di moduli e temi;
  • Molte Web Agency e Software house vendono siti internet basati su PrestaShop;
  • Molti professionisti si offrono per personalizzare PrestaShop;
  • Il marketplace ufficiale permette agli sviluppatore di vendere i propri temi e moduli.

L'articolo ti è piaciuto e vuoi iscriverti alla newsletter?

Iscriviti alla newsletter

Potrebbero interessarti