Intervista a Michela Dessì: Healthy food blogger

Molto spesso l’ispirazione di un intervista viene scorrendo la bacheca di un Social Network, in questo caso Instagram. La navigazione spesso è molto veloce e capita sempre meno di fermarsi davanti ad una foto, con questa intervista voglio presentarvi una delle mie Instagrammer preferite: Michela Dessì.
Definire Michela sono Instagrammer è molto riduttivo perché possiamo incontrarla in tutti i Social Media più diffusi.

Michela Dessì

Chi è Michela Dessì

Michela è una Social Media Manager ed Healthy Food Blogger sarda.

Ho conosciuto Michela e i suoi lavori proprio nel suo “territorio”, i Social Media, in particolare il suo blog ed il suo profilo Instagram.

Ma ora conosciamo Michela, proprio dalle sue parole :)

Vieni dal Sulcis e hai fatto tanti eventi fuori dalla Sardegna. Cosa ti ha dato questo territorio e cosa hai esportato?

La mia terra fa parte integrante di quella che sono. Mi piace infatti definirmi “sarda di origine e di carattere”, il modo caloroso e solare con il quale mi relaziono con le persone lo ricollego proprio alle mie radici.

La mia terra fa parte integrante di quella che sono. Mi piace infatti definirmi “sarda di origine e di carattere”, il modo caloroso e solare con il quale mi relaziono con le persone lo ricollego proprio alle mie radici Condividi il Tweet
Cerco di raccontare il più possibile della mia Sardegna, una terra non solo di mare. Hai detto bene, ho fatto tanti eventi fuori Sardegna (e ne ho in programma anche altri per l’autunno). Paradossalmente sono molto più conosciuta e seguita “dal continente”, spero però che anche la mia Sardegna si accorga di più di me e di quello che posso fare per lei, visto quanto ha fatto lei per me.

spero però che anche la mia Sardegna si accorga di più di me e di quello che posso fare per lei, visto quanto ha fatto lei per me Condividi il Tweet

Come cambia la vita dopo l’apertura di un blog?

Più che la vita è cambiato il mio approccio alla vita. Il blog mi ha permesso di mettere realmente in pratica quelle che sono le mie capacità e dimostrare, in primis a me stessa e poi agli altri, quali risultati si possono raggiungere con un mezzo di questo tipo. Al blog dedico ogni energia che avanza dopo il mio lavoro principale, quello di social media manager. C’è chi nel weekend si riposa e chi lo passa in cucina e al pc per preparare nuovi contenuti.

Il blog mi ha permesso di mettere realmente in pratica quelle che sono le mie capacità e dimostrare, in primis a me stessa e poi agli altri, quali risultati si possono raggiungere con un mezzo di questo tipo Condividi il Tweet

Com’è nata l’idea di #mangiapositivo?

Inizialmente pensavo e dicevo che fosse nata per caso. Con il passare del tempo ho invece capito che non era proprio così. Desideravo da tempo aprire uno spazio sul web tutto mio per mettere in pratica le mie conoscenze e per mettermi in gioco, ma non trovavo l’argomento giusto. Poi è arrivato, la passione per i social media si è incrociata con quella per l’alimentazione sana e così è nato Cr_eative. Prima su Instagram, poi su Facebook e infine il blog. Un percorso anomalo, al contrario, ma la scelta migliore che potessi fare :P

Sei una Social media manager e sei presente in tantissimi canali social, qual è quello che ti piace maggiormente?

Sicuramente Instagram, è quello che personalmente sento più mio. È una seconda casa, lo conosco perfettamente e mi sento a mio agio. Non è detto però che sia un canale social adatto a tutte le realtà. Molto dipende dal settore in cui si opera e dagli obiettivi che si vogliono raggiungere, ma se usato in modo strategico può diventare un strumento di marketing molto efficace.

Hai detto che negli ultimi 4 anni la tua vita è cambiata tantissimo. Se questa fase della tua vita dovessi paragonarla ad una ricetta, quale sceglieresti?

Ho pensato a una mia ricetta e mi è venuta in mente quella del Rotolo al Cioccolato Fondente. Il rotolo forma una spirale che mi fa pensare proprio al vortice di cambiamenti degli ultimi anni. Di come procederà il tutto non ho certezza, ma di dove finirà il rotolo sì…eheh tipo nella mia pancia! Provatelo perché è buonissimo e adatto a tutti :)

Da poco hai fatto una storia su Instagram in cui mostravi cosa c’è dietro ad ogni singola foto. Quali sono le difficoltà che un SMM incontra?

Tutto dipende dalla tipologia di contenuti che un Social Media Manager è chiamato a sviluppare. Posso dirti che personalmente cerco di sviluppare i contenuti grafici in autonomia, quando però il tutto diventa più complesso mi rivolgo al supporto di un professionista. Per quanto riguarda invece le foto del mio blog, eccetto alcuni casi, sono tutte fatte da me. È normale che guardando solo il risultato finale non si abbia la percezione delle tante ore di lavoro che ci sono dietro. Il cibo che fotografo è raramente qualcosa che trovo pronto: devo ideare la ricetta, reperire le materie prime che devono rispettare sempre determinati standard qualitativi, mettermi ai fornelli e solo alla fine potrò scattare.

Anche quest’ultima fase non è lasciata al caso, tutti gli oggetti devono essere disposti in modo tale che siano in armonia tra loro. Dopo lo scatto poi c’è anche la post produzione. In generale, si tratta di lavoro lungo perché il “contenuto” deve essere non solo bello da vedere, ma sopratutto da mangiare.

Grazie per le tue risposte, quali canali suggeriresti a chi ti vuole seguire?

In primis il mio blog mangiapositivo.com, nonché la newsletter. Ogni mese scrivo ai miei lettori raccontando cosa c’è di nuovo, quali sono gli articoli che ho pubblicato e che magari si sono persi, poi gli invio in regalo il calendario della stagionalità di frutta e verdura. Poi per quanto riguarda i canali social sicuramente Facebook e Instagram dove mi trovate come @cr_eative :)

Ti è piaciuto questo articolo? Allora non perdiamoci di vista :)

Grazie della visita, spero che gli articoli ti siano piaciuti. Per non perderci di vista ho pensato che una newsletter poteva fare al caso nostro.

Ti aspetto!

Potrebbero interessarti