Telegram, l’alternativa a WhatsApp nata in Russia

Ormai chi segue il blog ha già sentito parlare in tantissime occasioni di Telegram, l’alternativa a WhatsApp nata in Russia.  Telegram è un servizio di messaggistica multipiattaforma, in cui tutti i client, ovvero le APP, il Sito e il Software per PC, sono rilasciati sono rilasciati come Software Libero. Vediamo più nel dettaglio questo servizio.
alternativa a WhatsApp

La storia di Telegram, l’alternativa a WhatsApp

Telegram è nato nel 2013, da Pavel Durov e Nikolai Durov, i due fratelli che hanno fondato il Social Network VK. Telegram è stato concepito senza scopo di lucro e rimanendo separato dalla piattaforma di VK.

Nel 2014 Telegram ha raggiunto 35 milioni di utenti attivi, divenendo nel giro di un anno l’alternativa a WhatsApp più utilizzata. Nel tempo l’utilizzo di telegram aumentò, salendo a 60 milioni nel 2015 sino a raggiungere i 100 milioni di utenti nel 2016.

Servizi di Telegram

Come alternativa a WhatsApp, Telegram permette l’accesso dello stesso account, senza perdere informazioni. Telegram è disponibile per:

  • Tutti i modelli di Smartphone e Tablet;
  • tutti i sistemi Operativi;
  • per i browser web.

Ogni utente è raggiungibile tramite numero di telefono, proprio come WhatsApp, oppure tramite un nickname, dando la possibilità di comunicare senza far conoscere il proprio numero telefonico.

Tra i servizi possiamo trovare:

Chat

Sono le classiche comunicazioni tra utenti, in cui è possibile scambiarsi brevi messaggi di testo, messaggi vocali, messaggi video, coordinate GPS, contatti e file allegati sino ad un massimo di 1,5 GB. Le conversazioni possono essere utilizzate anche in modalità “chat segreta”, rendendole più sicure dal punto di vista della Privacy e lasciando la possibilità di impostare una scadenza alle conversazioni, alla scadenza verranno eliminate in automatico.

Gruppi e Supergruppi

Si tratta di conversazioni tra due o più utenti, i gruppo possono avere massimo 200 membri, invece i supergruppi 10000 utenti.

Canali

I canali sono delle chat “a senso unico”, ovvero i messaggi vengono scritti dagli amministratori verso il loro pubblico. Potete trovarne alcuni creati da me.

Bot

Il termine bot deriva dalla parola Robot, sono dei software utilizzabili tramite la chat di telegram, inizialmente i Bot era sviluppati dallo staff di telegram, dal 2015 ha permesso a terzi di svilupparne. Ora è possibile anche creare dei videogiochi tramite Bot.

Chiamate

Da marzo 2017, è possibile anche fare chiamate vocali per Android ed Ios.

Software Libero

Tutti i Software forniti da telegram sono rilasciati sotto le licenze GNU GPL V2 e GNU GPL V3.

Web dal mondo

Questo post fa parte di una serie di articoli in cui curioso su piattaforme di altre nazioni.

Close